h1

Che figura di merda, Angeletti!

12 novembre 2008, mercoledì


Credo che Angeletti iersera a Ballarò abbia fatto, per la categoria “Sbugiardati in diretta”, una delle più grandi figure di merda televisive di tutti i tempi.

I fatti. In studio Luigi Angeletti (segretario generale UIL), Agostino Megale (segretario confederale CGIL), Maurizio Sacconi (Ministro del Lavoro), Enrico Letta (ministro ombra del lavoro), Luigi Abete (presidente degli industriali e delle imprese di Roma, presidente BNL) più altri vari ed eventuali. Lo splendido e onnipresente direttore del Corriere della sera, Paolo Mieli, in collegamento.

Si parlava della divisione enorme fra le attuali posizioni della CGIL e gli altri due importanti sindacati confederali CISL e UIL.
Il ministro Sacconi faceva appunto notare quanto il motore principale delle proteste di questi e dei prossimi giorni fosse il livore tutto politico e strumentale della CGIL; Megale rilevava quanto gli costasse la divisione sindacale, quanto fosse strana questa distanza, che la CGIL fa il suo mestiere a chiedere ad esempio l’adeguamento degli stipendi all’inflazione, nonché la restituzione del fiscal drag, cioè dei soldi in più che dovranno scucire tutti quelli che proprio a causa dell’inflazione – che aumenta i redditi, e riduce il potere d’acquisto – pagheranno più tasse per maggiore reddito imponibile o addirittura salteranno all’aliquota Irpef superiore (ad esempio, chi a causa dell’inflazione crescente si troverà a superare la quota 28 mila euro, pagherà circa 220 euro in più).

Nel bel mentre di questa discussione Floris rende noto che: “Berlusconi, Sacconi, Bonanni (segretario generale CISL) e Angeletti (segretario generale UIL) – e non ricordo chi altro – hanno avuto un incontro a Palazzo Grazioli” (proprietà di Berlusconi, sede della Presidenza di Forza Italia).
Mentre Megale afferma che non era mai successo prima che non venisse invitata la CGIL a un incontro dei sindacati con i vertici politici, Angeletti ci tiene subito a precisare che lui lì non c’era, che non è affatto vera questa cosa. E allora Floris mette il dito nella piaga, gli dice che è una notizia Ansa! E lui imperterrito ma sempre più imbarazzato continua a negare con un’uscita tipo: “Guardi che io non c’ero!”
E Floris: “Guardi che vi hanno visto andarvene, lei e Bonanni, da un’uscita secondaria”. E Angeletti, sempre più rosso e imbarazzato, ma molto meno convinto, continua a negare.
Dopo qualche minuto: “Guardi che Bonanni ha confermato la sua presenza…”, ma niente, Angeletti continua per la sua strada.
Sono le undici di sera e Floris continua a fornire al segretario UIL la possibilità di ritrattare.
Ma ancora niente! E’ un dramma e fa troppa pena.

Ora ci dobbiamo chiedere cosa comporti questa menzogna – perché è chiaro che Angeletti ieri sera ha mentito a noi e ai suoi iscritti – e ci dobbiamo anche chiedere cosa lo abbia costretto a farlo ripetutamente. Qualcuno non gli avrà mica chiesto di continuare a farlo anche di fronte all’evidenza, no? Oppure sì? Ce lo dobbiamo porre questo quesito perché dobbiamo ficcarci in testa che ogni singola menzogna ha una sua ragione, e le ragioni delle menzogne spesso svelano molto di più su un evento di qualsiasi altra informazione. Perché una bugia totalmente svelata contiene almeno due informazioni: ciò che voleva essere coperto e il motivo per cui lo si voleva tale.
E poi escono i legami nascosti, la natura pubblica e la maschera svelata degli attanti.

Ci si può fidare di un sindacalista che mente riguardo un incontro con l’uomo più potente d’Italia? Con chi non dovrebbe esattamente collaborare, ma piuttosto contrattare alla luce del sole? Si può mentire sulla mera esistenza di una riunione fra queste due entità che ontologicamente non possono collaborare e incontrarsi di nascosto? E perché ha continuato a farlo anche di fronte all’evidenza?
Per noi malevoli che guardiamo alla politica con attenzione e animo volutamente diffidente, la debolezza di condotta da parte di UIL e CISL – se non quasi aderenza con le posizioni della compagine governativa -, lungi dall’apparirci un estremo atto di maturità politica e solidarietà nazionale, ci è apparsa quantomeno equivoca sin dalla questione Alitalia.
Alla luce di questa bella bugia in diretta nazionale che valore assumono i nostri sospetti?

Per fortuna la lucentezza e l’onestà intellettuale dell’abbagliante Mieli risplende chiara durante la trasmissione.
Di fronte a una notizia del genere, la tragedia “live” in prima serata di un tribuno della plebe che mente al suo popolo: “Non è vero che ho incontrato l’Imperatore a vostra insaputa!”, lo Yul Brinner degli storici, il direttore del più influente quotidiano nazionale verrà ricordato l’11 novembre 2008 solo per la sua salomonica divisione delle colpe alla pari, fra destra e sinistra, per lo stato in cui versa l’Italia.

Che grande! Idea rispettabilissima, ci mancherebbe, ma poteva fare il giornalista ieri a Ballarò, c’era da sbugiardare Angeletti, come al tempo ad esempio c’era da parlare solo delle intercettazioni di Berlusconi e Saccà, e nei giorni scorsi del “consiglio” disinteressato dato dal Presidente del Consiglio e imprenditore Berlusconi ad altri imprenditori di non investire nella pubblicità Rai. Nonostante tutte le nuove gaffes, nonostante i nuovi scandali, a dispetto di ogni azionaccia di B. e della sua fedele accolita. Sarebbero dovute restare in prima pagina, al centro dell’attenzione, perché è lì che sarebbero rimaste se fossero avvenute in qualsiasi altra nazione democratica del mondo.
Queste fra le altre centinaia di altre schifezze sarebbero dovute restare in prima pagina per settimane intere.

E seppure contesti al PD soprattutto questa mancanza di costanza nel battere sempre in un punto molto ben riconoscibile di bassezza morale degli avversari, non posso non dare maggior risalto alle colpe inveterate dei giornalisti italiani, di coloro che una volta assoggettati i tre poteri dello stato dovranno costituire l’ultimo baluardo della democrazia. Laddove riscontro al massimo un’incapacità politica in alcuni esponenti del PD, vedo invece disonestà intellettuale nelle scelte di molti giornalisti.

Mai m’era sembrato vero come ieri sera quello che scrive il New York Times il 20 ottobre: “Gli italiani si dividono in due gruppi: quelli che lavorano per Berlusconi e quelli che lavoreranno per Berlusconi”.

di marco dewey

Annunci

19 commenti

  1. Rompere con Cisl ed Uil significa salvazione per la CGIL dal diventare quella che Angeletti chiama “sindacato democratico” di Cia memoria!!


  2. è la CGIL il più fedele alleato di berlusconi con la sua politica antidiluviana della lotta di classe quali risultati potrà mai ottenere se non un ulteriore spostamento a destra dell’elettorato?
    jurii


  3. Angeletti “sgretario uil” e “ospite-fisso” a Ballarò: “PATETICO” !

    A parte il suo italiano molto improbabile da far invidia al miglior Di Pietro, ma volete mettere la sua figuraccia quando Floris – conduttore di Ballarò – legge un’ANSA: “Berlusconi, Sacconi, Bonanni (segretario generale CISL) e Angeletti (segretario generale UIL) hanno avuto un incontro con il premier a Palazzo Grazioli”. Angeletti – tanato – ci tiene subito a precisare che lui lì non c’era, che non è affatto vera questa cosa. E il conduttore insiste: “ Ma Angeletti… è una notizia Ansa”! E lui imperterrito, ma sempre più imbarazzato, continua a negare: “Guardi che io non c’ero!” E Floris: “Guardi che vi hanno visto andarvene, lei e Bonanni, da un’uscita secondaria”. E Angeletti, sempre più rosso, ma molto meno convinto, continua a negare. Dopo qualche minuto: “Guardi che Bonanni ha confermato la sua presenza…”, ma niente! Angeletti continua per la sua… figuraccia. Sono le undici di sera e Floris continua a fornire al segretario UIL la possibilità di ritrattare. Ma ancora niente! E’ un “dramma-evangelico” (“…prima che il gallo canti due volte, mi rinnegherai tre volte!”) e fa troppa pena! Ma fa ancora più pena e suscita ancora più rabbia quando sempre con il suo italiano approssimativo, dice, a proposito del rinnovo contrattuale degli Statali firmato solo dalla sua UIL e dalla CISL di Bonanni: “Il sindacato, il lavoro del sindacato è quello di fare contratti”! Ma 7euro lordi per il 2008 e 60euro lordi per il 2009 imposti dal governo – ricordiamo le parole del ministro della Dis-Funzione pubblica Mister B.R.: “Io comunque vado avanti. C’è una clausola che mi consente di pagare a partire da gennaio 2009, e anche se la Cgil dice no, Io pago lo stesso. Meglio che il lavoratore pubblico intaschi subito l’obolo offerto dal governo, piuttosto che queste risorse rimangano nelle casse dello Stato. Meglio 7 euro L O R D I di potere d’acquisto in più, che niente” – per Luigi Angeletti sono un contratto dignitoso e soprattutto richiedono la firma e l’esistenza di “un sindacato”?
    Senza nulla chiedere a questo governo, senza nulla sperare dalla “lunga mano di confindustria” a Palazzo Chigi, è però evidente che ormai il sindacato è al capolinea. Altri interessi, altre questioni “conflittuali” – gestione caf, fondi pensione, finanziamenti diretti e indiretti, distacchi sindacali – “agitano” i pensieri di coloro che dovrebbero rappresentare il mondo del lavoro: per questo sindacato gli interessi dei lavoratori sono un optional!
    Giuda vendette Cristo per 30denari, CISL e UIL hanno “Svenduto e Tradito” gli STATALI per molto meno, sottoscrivendo quello che più di un “contratto” è un obolo, una vergognosa ed inaccettabile elemosina!

    Luigi ANGELETTI: V E R G O G N A T I!
    NON VOGLIAMO LA TUA ELEMOSINA NE’ QUELLA DEL GOVERNO… vogliamo il tuo stesso stipendio!!!


  4. sono una rappresentante sindacale della UIL.
    IERI SERA AVREI VOLUTO MANDARE UN TELEGRAMMA DI DIMISSIONI ALLA UIL.
    MI SONO VERGOGNATA DI RAPPRESENTARLA


  5. SONO UNA ISCRITTA UIL.
    IERI SERA MI SONO VERGOGNATA PER ANGELETTI.
    RESTITUIRO’ LA TESSERA.
    MA LA CGIL PERCHE’ NON LI ABBANDONA, SONO SERVI DEL PADRONE.


  6. ciao,ho letto il tuo post e lo trovo molto interessante.ho appena aperto un blog, con alcuni contenuti simili.mi farebbe piacere che ci facessi un salto.ciao


  7. il blog si chiama: http://paranoidistheanswer.wordpress.com/


  8. Vergogna… dovrebbe dimettersi..un bugiardo che sta regalando il futuro dei lavoratori onesti al migliore offerente con un accordo indecente..e senza nemmeno fare finta di “battersi”per noi..sono stanca di essere derubata e quasi mi vergogno d’essere italiana..penso che sia pericoloso che gente così ricopra certe cariche!! Fuori.. Fuori..siamo nelle mani di gente senza scrupoli!!!


  9. “io non c’ero”

    non si dicono le bugie, per giunta in diretta

    ahi ahi, Angeletti
    proprio una figura da cioccolataio eh?


  10. DIMETTITI, ANGELE’!!!!
    CHE ALTRO NON PUOI FARE!!


  11. Ho visto tutta la trasmissione. Durante la comunicazione dell’Ansa, Floris ha subito detto che c’era anche la Marcegaglia durante quella riunione segreta.
    Angeletti era in evidente imbarazzo e ha negato, poi ha reagito in maniera spropositata, cambiando discorso e affermando che il sindacato non può cambiare opinione a seconda del colore politico del governo (che c’entra?). Proprio come un bambino che ruba la cioccolata e nega, nonostante abbia la bocca tutta impiastricciata!
    Vergognoso e anche di più, come si fa a fidarsi di un sindacalista che mente e se la fa con i padroni?
    E perchè i giornali non parlano di un fatto così grave?


  12. Statali, rifiutate l’elemosina!


  13. Che mentisse era ed è stato lampante per tutti. E’ la debole eco che mi sorprende.
    Sul corriere.it non si fa il minimo accenno alle accuse di Epifani. Non si parla proprio di sindacati.
    Nemmeno nei richiami a fondo pagina.
    Così per il sito del Quotidiano Nazionale (Giorno, Resto del Carlino e Nazione). Figuriamoci sul Sole24Ore.com (stessa proprietà del QN).
    Abbraccio ai resistenti.


  14. O non dovrebbe sorprendermi?
    Voi dite che non mi dovrebbe più sorprendere niente?

    Nemmeno il silenzio, a 40 ore dal fattaccio, del più influente quotidiano nazionale su un fatto grave e storico come questo?

    Avete ragione, purtroppo.
    Forse dovremmo contribuire tutti un po’ di più a ridisegnare la mappa della credibilità e dell’onestà del panorama mediatico.


  15. Continuiamo a sorprenderci, scandalizzarci, arrabbiarci, urlare, protestare, vomitare, ragazzi… altrimenti è veramente finita per tutto e per tutti!
    Maròòòòòòòòòòòò…c’ho una rabbia, dopo Genova poi!!!


  16. […] Palazzo Grazioli senza il maggiore sindacato italiano, quello della settimana scorsa di cui abbiamo già discusso ampiamente. Il segretario CGIL ci tiene a dare la sua totale disponibilità per affrontare insieme la crisi […]


  17. […] e a non mettere i bastoni fra le ruote. A starsene buoni e calmi. Ad avere pazienza. A seguire la linea Cisl-Uil. A piegarsi a come viene gestita per loro la crisi. Certamente a non criticare il Governo, ché […]


  18. Angeletti e il suo collega della CISL hanno firmato il contratto con la Marcegaglia che consegerà i lavoratori alla gogna. I delegati sindacali in fabbrica sono imbarazzati, ma non si dimettono la maggior parte dei lavoratori non conoscono nemmeno questo contratto. I lavoratori Francesi sequestono i managers e assaltano le prefetture e noi cosa faciamo? Stiamo a guardare!


  19. COME CI SI PUO’ FIDARE DI QUESTO ANGELETTI CHE SI PROFESSA SINDACALISTA , DIFENSORE DEI LAVORATORI , E POI SONO SEMPRE I PRIMI CHE VANNO A FIRMARE I CONTRATTI NAZIONALI , O ALTRO , SEMPRE SEPARATAMENTE COL GOVERNO …..?????? PER ME SONO SOLO DEGLI IPOCRITI E SERVI DEL GOVERNO E NON VERI SINDACALISTI , QUESTI SE NESSUNO LO AVESSE ANCORA CAPITO FANNO GLI INTERESSI DEL GOVERNO E DEI PADRONI .!!!!!!!
    IL VERO SIN DACATO ERA QUELLO DEI TEMPI DI ” LAMA ” E ” BERLINGUER” !!!!!
    ANGELETTI: VAI A LAVORARE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: