Archive for luglio 2008

h1

Istruzioni per una mente improbabile

27 luglio 2008, domenica


Vengo in pace,
vengo in amore.
E voglio essere cupo.

Ma gli occhi non sono
specchio della mia anima.
Niente è ciò che sembra.

di marco dewey

Annunci
h1

In appendice a “Brutti idioti criminali”

21 luglio 2008, lunedì


C’era qualcosa che non andava in quello scrittucolo in cui descrivevo l’elettore Pdl un brutto idiota criminale, appunto. [Leggi].
L’enorme rabbia di quei giorni cede il passo all’onestà.

Si può essere idioti e non criminali. E viceversa.
Anzi, è molto più probabile che ci siano tanti idioti che non per colpa loro fiancheggiano i criminali al potere col loro voto e le bestialità scomposte loro pertinenti.

E poi ci sono quelli che ne capiscono di politica.
Quelli che hanno il quadro ben chiaro e pensando a mere ragioni di “guadagno personale nel breve periodo” (chiamiamole così), hanno votato Berlusconi o Bossi (che loro non voterebbero mai “quell’altro là” direttamente).
Ecco, costoro sono i veri criminali, fiancheggiatori di criminali, che continuano a barattare il futuro e il prestigio dell’Italia per paura di dover rispondere di decenni di favori o ingiustizie sulle quali loro e le loro famiglie hanno prosperato e prosperano tuttora.

Questi hanno votato, sì, con la coscienza sedata dalla continua e ignobile propaganda Mediaset e RAIDUE, ma non addormentata al punto da non aver compreso quel gioco, quell’enorme congiura psico-sociologica ai danni della parte decisamente più onesta della nazione che dura oramai da quindici anni.
Di quella laida propaganda pregna di menzogne e proclami urlati e attenzioni solo a questioni marginali se ne sono fatti semplicemente scudo contro la vergogna.
Scudo davanti ai membri della famiglia meno interessati alla politica. Scudo davanti alle chiacchiere disarticolate da bar. Scudo davanti a quello specchio che ad ogni buon conto per qualche sera in aprile hanno scientemente evitato di guardare.

di marco dewey

h1

Dramma n°1 con cielo sereno

6 luglio 2008, domenica


Mentre nuvole lontane lasciano
spazio al chiaro soffocante
e credi tutto più facile,
ti ritrovi a vivere il sogno sbagliato.

Non hai mai incontrato certi colori
e anche l’acqua ci si mette a complicarti il pensiero.
Improvvisamente ti accorgi di non aver visto ancora nulla
della vivace gravità del mondo.

Il gioco preferito si fa giogo,
le regole banali distanti una vita,
e maledici il fuorviante sapere eccentrico
e la sicurezza malsana del tempo.

In cuore solo un ritorno
impossibile all’innocenza.

di marco dewey

h1

Riguardo al gran rifiuto di Veltroni

3 luglio 2008, giovedì

Bene credo abbia fatto Veltroni a non far aderire formalmente il Pd alla manifestazione indetta da Paolo Flores D’Arcais, direttore di Micromega, Antonio Di Pietro e la sua Italia dei Valori, Pancho Pardi (deputato IdV) e dal grandissimo, immenso Furio Colombo (deputato PD).
I motivi per partecipare a tale manifestazione si potrebbero contare sulle dita di dieci mani, ma non è senz’altro questo il punto.
E’ vero, quello a cui stiamo assistendo, l’imbavagliamento della stampa e l’ennesima severa sferzata contro la magistratura, in questo particolare frangente limitata in uno degli strumenti investigativi più efficaci, è senza precedenti in una nazione considerata ancora democratica dagli organismi internazionali.
Comprendo i dubbi di chi, leggendo quest’ultimo paragrafo abbia pensato “Ma come, non è mica solo questo il problema del governo, dei governi Berlusconi!”.
Comprendo, ma quando si è alle prese con una tale risma di criminali con delirio di onnipotenza, la lingua italiana e la pazienza e la memoria dello scrivente vengono messe a dura prova, quindi, oramai per convenzione oserei dire da regime, spesso si tralasciano le altre nefandezze e si sta sul pezzo, le ragioni prime della manifestazione di cui sopra.
Bene ha fatto Veltroni, dicevo, perché il prezzo politico di un flop di qualsiasi tipo dell’ 8 luglio, se questo fosse organizzato dal maggiore partito dell’opposizione, sarebbe incalcolabile.
Se il Pd organizzasse una piazza o un corteo con meno di trecentomila persone, ciò sarebbe considerato dalla stampa e dal circo mediatico tutto un mezzo fiasco.
E anche ci fossero quelle famose trecentomila, quante pensate ne conterebbe la questura?
Ora, i numeri di una protesta estiva potrebbero addirittura non essere di questo ordine di grandezza.
E’ su questo tipo di ragionamento che si è mosso Walter. Il Partito Democratico, con quel fuoco informativo che ha contro, non si può permettere la non gestione dell’evento.
Sta nell’intelligenza dell’uomo e della donna di sinistra comprendere che non è per moderazione politica che Veltroni non appoggia ufficialmente la protesta di Piazza Navona.
Sta nell’intelligenza di Flores d’Arcais non scrivere invettive contro l’unica speranza italiana per il futuro.
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
Ricordo a tutta la mia gente, la gente di sinistra, che Berlusconi e i suoi servi non lanciano a caso strali contro Di Pietro.
Lo fanno consapevolmente per togliere il vostro voto al Partito Democratico. Lo fanno per affermare implicitamente la differenza di intenti fra Italia dei Valori e Pd. Contrastando Berlusconi solo l’IdV, la vostra mente arriva inconsciamente alla conclusione che il Pd è un partito di moderati benpensanti, che è Di Pietro colui che Berlusconi teme. Sono trucchetti banali da psicologia sociale.
Non ci cascate. Sapete bene chi teme. Sarà bene averlo ben chiaro sin d’ora: di qui a cinque anni utilizzeranno ogni mezzo per indebolire la leadership di Veltroni e per dividere le anime del Pd e far votare di nuovo partiti di estrema sinistra.

di marco dewey